#intersettoriali

Cariplo Social Innovation

Il quarto programma intersettoriale di Fondazione Cariplo è Cariplo Social Innovation. Un impegno di 10 milioni di euro, che ha consentito alla Fondazione di mettere in campo un’architettura, una governance e un tool di strumenti innovativi per far fronte ai bisogni del Terzo Settore “evoluto”: un variegato ecosistema di attori, che operano con l’obiettivo di rispondere alle diverse sfide sociali, ambientali e culturali – storiche ed emergenti – attraverso idee e modelli di intervento economicamente sostenibili, innovativi e di alta qualità.

Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore - “Impact. By Investing”

Per dare vita al programma, Fondazione Cariplo ha riorganizzato, riunito e raccolto l’eredità di 2 importanti realtà filantropiche già appartenenti alla propria “galassia”: Fondazione Opere Sociali – istituita negli anni ’50 per offrire servizi assistenziali agli anziani e formazione scolastica ai giovani – e Fondazione Giordano Dell’Amore – nata negli anni ’60 a Milano, come Centro per l’Assistenza Finanziaria ai Paesi Africani (Finafrica), per volere dell’emerito prof. Giordano Dell’Amore (1902-1981). Da questa “unione” nel 2017 è nata la Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore, braccio strategico e operativo di Fondazione Cariplo nell’ambito degli investimenti a impatto, dedicata alla promozione della cultura dell’impact investing in Italia. Una mission che si traduce operativamente in un’attività integrata di divulgazioneadvisory e investimento rivolta a start-up e imprese a impatto sociale, ambientale e culturale e necessaria per sostenere l’ecosistema dell’imprenditoria sociale innovativa.

Attraverso lo stanziamento di un budget di €10 milioni, a cui si aggiunge la dotazione patrimoniale della Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore - attualmente pari a circa € 8,5 milioni – Fondazione Cariplo ha messo in atto un’operazione virtuosa che ha consentito di dotare il programma di un piano strategico e di una disponibilità complessiva di circa 20 milioni di euro.

Il programma: «Innovazione, capacity building e finanza sociale»

Per la realizzazione del programma intersettoriale, F. Cariplo ha sviluppato una strategia integrata, a supporto dell'innovazione sociale, sia dal lato della domanda, che dell'offerta. Incentivando la richiesta di risorse finanziarie - attraverso strumenti di Capacity Building - e implementando in parallelo l’offerta di capitali da parte dei potenziali investitori di tipo “impact”, il programma risponde a 2 principali sfide emergenti:

  • stimolare la crescita dell’ecosistema italiano dell’imprenditoria sociale, all’interno di un contesto normativo in evoluzione, contribuendo alla riduzione del deficit di innovazione ed efficienza nei settori del welfare e delle politiche culturali e ambientali;
  • attivare un mercato finanziario rivolto alle iniziative socialmente orientate, che consenta di valorizzare il potenziale di innovazione e di sviluppo del settore.

Il programma intersettoriale si sviluppa attraverso 3 linee d’azione integrate.

 

infografica fsv
 
 

Prima linea di azione: Capacity Building per il Terzo Settore

Ambisce al rafforzamento delle organizzazioni non profit che hanno il potenziale di esprimere innovazione sociale e si sviluppa attraverso l’offerta di programmi come:

  • BANDO CAPACITY BULDING DEL TERZO SETTORE: un bando con scadenza rivolto al rafforzamento organizzativo e di leadership, al ricambio generazionale e all’internazionalizzazione delle organizzazioni non profit. Un impegno di €5,0 M per le prime due edizioni (2017/2018 e 2018/2019)
  • CARIPLO SOCIAL INNOVATION LAB: una piattaforma di e-learning asincrono - socialinnovationlab.fondazionecariplo.it – che offre 10 moduli formativi suddivisi in 44 lezioni e che ad oggi ha consentito la fruizione di corsi online a oltre 350 organizzazioni non profit. Per completare l’offerta formativa, alla piattaforma si sono affiancati una serie di workshop/lectures su grandi temi e sfide di interesse per il Terzo Settore e l’imprenditoria sociale: i CARIPLO SOCIAL INNOVATION TALKS

Seconda linea di azione: Impact Investing

La Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore, di cui è presidente il Prof. Cristian Chizzoli - Direttore del Master in Marketing e Comunicazione MiMeC-Bocconi – nasce nel 2017 con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’impact investing e di favorire l’innovazione sociale in Italia. In qualità di advisor e investitore, sostiene iniziative a impatto sociale, ambientale e culturale, mettendo a disposizione competenze e capitale paziente. Una mission che si traduce operativamente in un’attività integrata di divulgazioneadvisory e investimento rivolta a start-up e imprese a impatto.

La Fondazione ha un approccio istituzionale all’impact investing: lattività di investimento diretto e indiretto del proprio patrimonio è infatti finalizzata alla crescita del settore e alla promozione dell’innovazione sociale. Al fine di massimizzare il potenziale addizionale del proprio intervento, opera con un approccio assimilabile al “social venture capital”, investendo tipicamente con partecipazioni di minoranza e obiettivi di rendimento calmierati su orizzonti temporali di medio-lungo periodo. Talvolta, in funzione della forma giuridica delle società che si candidano per un investimento, ricorre a strumenti finanziari partecipativi o ibridi.

Ad oggi, la Fondazione ha investito un totale di oltre 3,3 milioni di euro (5 iniziative in portafoglio), supportato - attraverso il programma Get it! - 25 startup ed elaborato oltre 100 analisi preliminari di iniziative di imprenditori e giovani startupper che si candidano per un investimento attraverso l’apposito form di candidatura presente sul sito.

Investimenti in portafoglio

footer csv
 

 

All’attività di divulgazione e investimento si aggiunge l’offerta di servizi di advisory, che si concretizza nel supporto alla predisposizione di piani economico finanziari, nella definizione di strategie di finanziamento e nell’individuazione di strumenti innovativi per sostenere gli imprenditori sociali nel perseguimento della propria mission.

Il primo Investor Day della Fondazione Social Venture GDA


Terza linea di azione: Get it! – il Percorso di Valore per le start-up

Il settore dell’impact investing, risente di un problema di readiness, rispetto alla capacità dei soggetti coinvolti, dal lato della domanda, di rendersi investibili in una logica di tipo impact. Ad oggi, infatti, risulta ancora esigua la presenza di modelli di intervento capaci di generare valore sociale in modo economicamente sostenibile. Non è quindi possibile immaginare un percorso di sviluppo in cui l’offerta di risorse – il c.d. “capitale paziente” – non sia affiancata da iniziative capacity building rivolte all’ecosistema dell’imprenditoria sociale.

Partendo da questa consapevolezza, Fondazione Social Venture GDA ha dato vita a Get it!: un programma realizzato in collaborazione con Cariplo Factory, che attraverso l’offerta di percorsi di incubazione/accelerazione e mentorship, intende creare le condizioni ideali per permettere a nuove start-up sociali, anche nella fasi iniziali di sviluppo, di germogliare e crescere, rendendosi investibili in una logica di impact investing.

Ad oggi, attraverso le 5 Call For Impact tematiche realizzate in partnership con Cariplo Factoryil programma ha ricevuto 434 candidature sulla piattaforma e offerto circa 25 percorsi su misura di incubazione/accelerazione e mentorship (3+3 mesi)  alle start-up, consentendo alla Fondazione di investire, al momento, 70.000 euro in due iniziative molto promettenti: Veinshow (dispositivo medico per prelievi del sangue e rilevazione dei parametri vitali) e Beltmap (navigation device a supporto degli ipovedenti).

Il Percorso di Valore

fsv1

Le Call For Impact tematiche di Get it!

fsv2